Mandati a prendere in carico

Home
Articoli
Mandati a prendere in carico

Sostegno al benessere delle persone, programmazione dei percorsi di aiuto. Mandato istituzionale, competenze del professionista e relazione di aiuto.

Farsi carico del benessere delle persone 

L’espressione “presa in carico” è  tipica del linguaggio dei servizi sociali e rimanda all’idea di un servizio che “si fa carico” di seguire una persona (o una famiglia), di garantire una presenza capace di offrire opportunità e sostegni, con l’obiettivo di permettere alle persone di controllare attivamente la propria vita (Milani, 2001).

«Il mandato istituzionale è un aspetto centrale della presa in carico perché la distingue dalle forme di aiuto spontaneo e implica del lavoro professionale» 

Il compito di “programmare” 

Per il Dizionario del servizio sociale (Dal Pra Ponticelli, 2005) prendere in carico «significa definire e programmare un percorso di aiuto con e per i cittadini e la loro comunità sociale». Questo processo si traduce in un progetto condiviso, con lo scopo di promuovere la partecipazione e le potenzialità dei soggetti coinvolti.

In altri termini, la presa in carico può essere considerata un processo di valutazione e supporto delle risorse presenti nella persona, nel contesto familiare e nel territorio, con la finalità di implementare il benessere e la qualità della vita di tutto il sistema.

Dalle suddette definizioni possiamo desumere che la presa in carico è un processo caratterizzato dalla progettazione da parte di un operatore sociale di uno o più interventi rivolti a una persona o a un nucleo familiare mantenendo con essa (esso) un rapporto continuativo per revisionare l’intervento stesso nel corso del tempo. 

Presa in carico e mandato istituzionale 

La presa in carico si attiva in risposta ad un mandato istituzionale, per far fronte ad una domanda di aiuto espressa o inespressa. Il mandato istituzionale è un aspetto centrale della presa in carico perché la distingue dalle forme di aiuto spontaneo e implica del lavoro professionale. 

Presa in carico e competenze del professionista

La presa in carico richiede:

  • competenze individuali;
  • competenze professionali;
  • attenta programmazione che permetta di pianificare l’aggiornamento, i confronti nell’ambito del gruppo di lavoro, la supervisione, e forme di valutazione.

Dunque, nell’ambito del servizio sociale, la “presa in carico” richiede che venga individuato un  professionista,  titolato a stabilire e mantenere una relazione di aiuto personalizzata e abbia responsabilità precise.


Cosa pensano i Nostri Lettori

Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Scrivi un Commento

Commenti Articolo

Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarĂ  visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso