Affidamento familiare di neonati: una chance per rispondere al suo bisogno di attaccamento (PARTE I)

Home
Articoli
Affidamento familiare di neonati: una chance per rispondere al suo bisogno di attaccamento (PARTE I)

Accoglienza transitoria, preparatoria e istruttoria. Fattore protettivo e preventivo. Fonte di aiuto e sostegno.

Un ponte o un’alternativa?

L’affidamento familiare di neonati, detto anche affidamento ponte, è un’area specifica dell’affido urgente e di breve durata che si consolida come periodo di accoglienza transitorio, preparatorio ed istruttorio alla decisione che l’Autorità Giudiziaria formalizzerà in relazione al definitivo e futuro progetto di vita del neonato. Il provvedimento di affido non interviene per fornire al minore una genitorialità alternativa a quella naturale, ma piuttosto per prevenire l’insorgenza di patologie di neonati la cui condotta dei genitori è ritenuta pregiudizievole ma  dove non ci sono ancora elementi sufficienti per elaborare una diagnosi ed una prognosi sulla situazione nel contesto e per tutelare, in attesa di decisioni riguardanti il suo futuro, il loro diritto ad appartenere ad un contesto familiare adeguato.

«Intervenire con un progetto di affido significa tutelare il diritto del neonato ad un buon attaccamento»

Perché affidare?

Il presupposto scientifico e teorico dell'affidamento familiare di neonati è rappresentato dalla teoria dell’attaccamento di J.Bowlby. Egli teorizza la tendenza dell’essere umano a stringere rapporti privilegiati con determinati adulti e descrive le conseguenti rappresentazioni di questo rapporto in termini di Modelli Operativi Interni (M.O.I.,) intesi quali rappresentazioni mentali derivanti dalle ripetute interazioni e risposte affettive che il bambino vive all’interno della relazione con la sua figura di attaccamento.

Nelle situazioni in cui la relazione familiare disfunzionale coinvolge un bambino nei primi anni di vita predisporre un progetto di affido rappresenta un fattore protettivo e preventivo per un suo adeguato sviluppo psico-fisico poiché è il periodo in cui avviene la formazione del legame di attaccamento e dunque offre al bambino la possibilità di sviluppare e tutelare il suo diritto ad “un buon attaccamento”, più nutritivo, con altri caregivers capaci di bonificare i suoi precoci vissuti di carenza e le sue precedenti modalità relazionali disfunzionali.

L’affidamento rappresenta dunque una forma di intervento che intenzionalmente si propone di avvicinare, al bambino e alla sua famiglia, figure di riferimento affettivo che riescano contemporaneamente a sostenere il bambino e il suo legame con i genitori.

Solo in questo modo i nuovi legami, tra le due famiglie, diventano fonte di aiuto, offerto e ricevuto, tra persone che sono in un rapporto potenzialmente paritario e rappresentano per il bambino un “ponte” che gli permette di attraversare i diversi confini familiari.

Il ruolo del servizio sociale

Per il servizio sociale coordinare e gestire un progetto di affido significa lavorare contemporaneamente su più fronti:

  1. prendere in carico la famiglia d’origine e predisporre per essa specifici interventi ed utilizzarli in un’ottica non accusatoria, ma di promozione della resilienza delle stessa;
  2. scegliere accuratamente una famiglia matura, esperta ed adeguata alle necessità del neonato e della sua famiglia, prepararla sul “senso” del progetto di affido e supportare il loro coinvolgimento affettivo;
  3. gestire il complesso vissuto del neonato all’interno di una “doppia appartenenza”;
  4. collaborare con l’intera equipe di professionisti.

 

 

 

Note 

Bowlby John, Costruzione e rottura dei legami affettivi, Editore Cortina, 1979.

C.N.S.A, documento Riflessioni sull’affidamento familiare di bambini piccolissimi, 12 Giugno 2003.

De Piccoli Norma , Finco Daniela, Gamba Patrizia ( a cura di), Il progetto neonati della città di torino - bimbi in transito tra legame e separazione, narrazioni e riflessioni dai suoi protagonisti, Maggio 2017.

Greco Ondina, Comelli Ivana, Iafrate Raffaella, Nelle braccia di un figlio non tuo - operatori e famiglie nell’affidamento di neonati, Franco Angeli, 2010.

Cassibba Rosalinda, Elia Lucia, Affidamento Familiare - dalla valutazione all’intervento, Carocci Faber, 2007



Se sei interessato a raccontare la tua esperienza o le tue riflessioni di assistente sociale siamo lieti di pubblicare un tuo articolo sul nostro blog. Per maggiori informazioni contatta la dott.ssa Serena Vitale (redazioneblog@progettofamiglia.org)
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!