Lo sviluppo sostenibile nel nuovo Codice deontologico

Home
Articoli
Lo sviluppo sostenibile nel nuovo Codice deontologico

Sostenibilità, giustizia sociale e coesione. Diritto all’ambiente, lavoro di comunità e rinnovamento sostenibile

Perché trattare la sostenibilità nel nuovo Codice?

Trattare la sostenibilità significa aver compreso che le connotazioni sociali, territoriali e ambientali di una persona, di un gruppo o di una comunità potenziano o limitano il loro sviluppo integrale e autentico.

Aver fatto propria la convinzione chele disuguaglianze sociali spiegano una quota importante delle differenze di salute, di mortalità e di benessere tra gli individui. Esse ledono la coesione e si connotano come ingiustizie e iniquità socialmente prodotte poiché sono da considerarsi l’esito di programmazioni e di implementazioni politiche, economiche e istituzionali inefficaci.

«la comunità professionale si adopera per sviluppare una cultura della sussidiarietà, della prevenzione e della salute» 
Deontologia come HABITUS. Introduzione al nuovo Codice deontologico dell’assistente sociale.

Dove trovare il richiamo deontologico?

L’articolo 13 del Codice deontologico fa proprio uno dei diritti umani formulati nelle convenzioni internazionali: il diritto all’ambiente.

La norma citata richiama i professionisti dell’aiuto a garantire a ogni persona la possibilità di vivere in un contesto idoneo allo sviluppo integrale, ad adoperarsi affinchè si tuteli l’ambiente quale strumento indispensabile per il compimento del divenire del singolo e della comunità.

 

Come interpretare tale articolo?

Portare all’attenzione della comunità professionale lo sviluppo sostenibile non può essere inteso come aggiungere la questione ambientale tra le miriadi di attività di cui occuparsi. È piuttosto da declinare come un ritorno al lavoro sociale di comunità rivisitato in chiave contemporanea attraverso una lente ecologica ispirata al principio di «abitare con saggezza la Terra».

 

Il ritorno al lavoro sociale di comunità

Lavorare con/per la comunità può voler dire appropriarsi di nuovi spazi di intervento che vedono gli assistenti sociali impegnati in iniziative a sostegno di azioni comunitarie, funzionali alla prevenzione, alla promozione e al fronteggiamento di disagi correlati a disastri ambientali.

Tutto ciò può voler dire: usare le conoscenze e le competenze professionali per sviluppare le risorse locali; utilizzare, o meglio rivendicare, il proprio ruolo tecnico e politico per attenzionare la comunità sulle cause strutturali dei problemi; proporsi come catalizzatori e facilitatori di processi risolutivi partecipati capaci di dar vita a un sustainable well-being.

 

Gli assistenti sociali risorse per il rinnovamento sostenibile

Le competenze, le conoscenze e le peculiarità professionali degli assistenti sociali appaiono dunque, essenziali per ridisegnare in chiave ecologicamente compatibile l’assetto economico, sociale e istituzionale di un territorio  affinchè si possa garantire vite degne a tutti e a ciascuno.


Approfondimento 

Per approfondire ulteriormente: “Deontologia come HABITUS. Introduzione al nuovo Codice deontologico dell’assistente sociale.”

Se sei interessato a raccontare la tua esperienza o le tue riflessioni di assistente sociale siamo lieti di pubblicare un tuo articolo sul nostro blog. Per maggiori informazioni contatta la dott.ssa Serena Vitale (redazioneblog@progettofamiglia.org)
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!