Il servizio sociale nella digital age: quale antropologia?

Home
Articoli
Il servizio sociale nella digital age: quale antropologia?

Nuova concezione umanistica: centralità e unicità. Sistema integrato mente-corpo-anima. Rivoluzione digitale, giustizia ed equità sociale.

 Il servizio sociale nella digital age: quale antropologia?

Di Maria Pia Fontana

La prospettiva antropologica su cui poggia il nuovo Codice deontologico (NCD) dell’assistente sociale si ispira ad una concezione umanistica che ribadisce la centralità e l’unicità della persona nelle sue specificità biologiche, psicologiche, sociali, culturali e spirituali in rapporto al suo contesto di vita (art.8). Ciò evidenzia il valore sia della dimensione fisica che di quella spirituale e sociale dell’essere umano, come componenti imprescindibili del sistema integrato mente-corpo-anima, che a sua volta si plasma e si modifica nell’interazione con l’ambiente circostante.

Nella cornice dei cambiamenti sociali, economici e culturali generati dalla rivoluzione digitale, al Servizio Sociale spettano nuove sfide

Viviamo tuttavia in un clima culturale in cui è forte la prospettiva del post-umanesimo che sostiene la liceità delle trasformazioni del corpo verso una sua progressiva ibridizzazione con la macchina, per superare i limiti posti dalla natura o da condizioni di svantaggio psico-fisico come la malattia o l’handicap. Inoltre, la visione filosofica che fa da sfondo alla rivoluzione digitale (Floridi, 2017) parte dal presupposto che l’uomo non occupi più una posizione di centralità nell’universo o nel mondo naturale e neppure possa vantare una superiorità grazie alle sue capacità logiche, ampiamente superate dalle possibilità di calcolo ed elaborazione proprie dell’intelligenza artificiale.

Nella cornice dei cambiamenti sociali, economici e culturali generati dalla rivoluzione digitale, al Servizio Sociale spettano nuove sfide, che sono al tempo stesso sia di tipo deontologico che operativo, e sollecitano una rilettura degli articoli della carta codicistica. A titolo esemplificativo la difesa dei principi della giustizia e dell’equità sociale (art. 6 del NCD) deve contemplare l’estensione delle possibilità di accesso alla rete e della lotta al digital divide, considerato che la fruizione di molti dei servizi pubblici, ma anche le nuove forme di partecipazione civica e di socializzazione, richiedono specifiche competenze digitali.

Anche la lotta alle discriminazioni (art.9) e la promozione dell’autodeterminazione (art. 26, 27) dovrebbero essere riconfigurate in senso digitale e il Servizio Sociale dovrebbe assumere un ruolo di sentinella critica per evitare che le persone possano essere vittime dei processi di categorizzazione e di profilazione on line che attraverso l’uso di algoritmi possono orientare le scelte individuali o possono condizionare le opportunità come anche le risorse a disposizione (in termini di informazione, servizi, possibilità occupazionali, ecc.).

Allo stesso modo, il contrasto alle situazioni di violenza, trascuratezza e oppressione nei confronti di tutti coloro che sperimentano una condizione di fragilità (art. 28) implica anche un’attenzione alle nuove forme di manipolazione, vessazione o controllo digitale. Anche le problematiche emergenti relative ad un rapporto disfunzionale con la tecnologia, perché la persona sviluppa un legame patologico di iper-connessione o perché utilizza i nuovi media come strumenti di prevaricazione o di diffusione dei “virus della disinformazione”, sollecitano il Servizio Sociale a dotarsi di nuove consapevolezze, saperi e modalità operative, al fine di adeguare il suo intervento alla complessità del presente e ad una società sempre più digitalizzata.

In definitiva siamo agli albori di un nuovo modo di interagire, conoscere e partecipare alla vita comunitaria che modificherà sensibilmente il lavoro di aiuto sociale e produrrà un grande fermento culturale e operativo negli anni che verranno.

Se sei interessato a raccontare la tua esperienza o le tue riflessioni di assistente sociale siamo lieti di pubblicare un tuo articolo sul nostro blog. Per maggiori informazioni contatta la dott.ssa Serena Vitale (redazioneblog@progettofamiglia.org)
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!