Empatia: è possibile migliorarla!

Home
Articoli
Empatia: è possibile migliorarla!

Empatia: è possibile migliorarla!

Argomento

Empatia

Trama

Alessandro Fanello, psicologo, docente di scienze umane e formatore, ci parla dell’ empatia.

Cosa si intende per empatia?

L’empatia è la capacità di “ vestire” i panni dell’altro. Letteralmente deriva dal greco En- Phatos, sentirsi dentro. Il processo empatico, quindi, si basa sulla capacità di connettersi emotivamente con l’altro e di cercare di percepire i sentimenti e le emozioni altrui quasi come se fossero nostre. Sembra, quindi, che per entrare in empatia con gli altri dobbiamo farci travolgere dalle altrui emozioni, ma in realtà non è così. Tale processo ci permette di “ vestire” i panni dell’altro, rimanendo però fedeli ai nostri valori, alle nostre emozioni e ai nostri sentimenti, senza mai perderli di vista.

Dobbiamo imparare a vestire i panni dell’altro perché ciò ci permette di comprendere le motivazioni di comportamenti dissimili   nelle differenti situazioni sociali che le persone  quotidianamente vivono. 

Come possiamo cercare di migliorare la nostra capacità empatica?

L’empatia è una dote innata ma che tutti sviluppiamo, crescendo, nelle relazioni sociali.

Ci sono degli esercizi che possono aiutare a migliorarla ed a incrementarne la qualità:

1-  Ammettere ed analizzare le nostre emozioni, questo ci permetterà di entrare in contatto con le nostre emozioni ed accettarle senza giudizio;

2- Allargare il nostro vocabolario emotivo, ad esempio, ascoltare una canzone, leggere un libro, vedere un film appuntando i cambi emotivi che ci evoca questa attività ciò ci aiuta anche a riconoscere le emozioni negli altri;

Dopo aver lavorato sulle emozioni dobbiamo aprirci all’ascolto attivo dell’altro; in primo luogo dobbiamo cercare non solo di “sentire” ciò che l’interlocutore sta dicendo, ma di osservare completamente la persona mentre sta comunicando con noi. Ciò significa non solo sentire ciò che ci sta comunicando ma anche come ci viene comunicato, le sue emozioni, il linguaggio non verbale ecc. Un altro accorgimento è cercare di non interrompere l’interlocutore e, solo al termine del suo discorso, se avessimo dubbi potremmo 


Tipo

Riflessione / Relazione / Lezione / Convegno / Approfondimento

Autore/Editore Video

Alessandro Fanello

Durata

5:39

URL d'Origine

https://youtu.be/jDTq2RIfIxs

Lingua

Italiano

Sottotitoli

Giudizio

Valutazione Complessiva:
4
/5
Qualità nella trattazione del Tema:
4
/5
Efficacia Comunicativa:
4
/5
Qualità tecnica del Video:
4
/5
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!