Commento al Preambolo – Titoli I – II – III del nuovo Codice Deontologico

Home
Articoli
Commento al Preambolo – Titoli I – II – III del nuovo Codice Deontologico

Commento al Preambolo – Titoli I – II – III del nuovo Codice Deontologico

Argomento

Nuovo Codice Deontologico

Trama

Il tema affrontato nel seguente video pone l’attenzione sul “Codice Deontologico degli Assistenti Sociali, 2020” e in particolare con riferimento al Preambolo, Titolo I, II e III.

Il primo intervento è di Gianmario Gazzi – Presidente CNOAS, Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali – il quale afferma l’importanza di realizzare un Codice che sia sempre attuale e rappresenti l’Assistente Sociale del 2020, anno di forte difficoltà e di emersione di nuovi contesti sociali. Il Codice, dunque, tenta di affrontare i dilemmi etici più recenti e i mutamenti sociali ed economici.  Una valutazione importante è la sostituzione della parola utente con il termine persona o individuo, infatti, l’utilizzo di nuove terminologie potrebbe rendere accessibile la comprensione dei diritti delle persone nei confronti degli assistenti sociali.

Il secondo intervento è di Valentina Raimondo – Vice Presidente Commissione Etica Deontologica e Ricorsi Amministrativi CNOAS – la quale dopo un excursus inerente alla normativa Nazionale e Internazionale, si sofferma sull’importanza del Preambolo, ovvero la parte introduttiva del testo contenente le indicazioni di carattere generale. Il Preambolo apre la prima grande novità del Codice, esprimendo una cornice identitaria della professione.Si prevede una responsabilità del professionista di osservare valori umanistici quali: lealtà, trasparenza, fiducia, saper fare, saper essere, saper cambiare e divenire.

Il titolo I – definizioni generali e ambiti di applicazione – comprende gli articoli dall’1 al 3 e afferma che il Codice Deontologico è costituito da principi e regole che l’Assistente Sociale deve conoscere e rispettare.

Il titolo II invece – principi generali della professione – comprende gli articoli dall’4 al 13 e affronta i principi generali connessi alla teorizzazione pratica, sociologica o di servizio sociale volte soprattutto a realizzare attività concrete.

Importante è tener conto dell’unicità di ciascuna persona al fine di realizzare un intervento valido, ma soprattutto senza discriminazioni.

Il titolo III – doveri e responsabilità generali dei professionisti – comprende gli articoli dal 14 al 25 e prende in riferimento sia le norme di comporta mento di auto-responsabilità, ovvero verso sé stessi e verso gli altri professionisti, sia di etero-responsabilità ovvero verso gli utenti. Il termine responsabilità diviene dunque centrale. Gli assistenti sociali devono individuare valori e principi in contrasto, adottare un pensiero complesso e difendere la propria autonomia tecnico- professionale.    

Tipo

Riflessione / Relazione / Lezione / Convegno / Approfondimento

Autore/Editore Video

Fondazione Nazionale Assistenti Sociali / CNOAS

Durata

1:07:58

URL d'Origine

https://www.youtube.com/watch?v=NngyVDBu3Pk&feature=youtu.be

Lingua

Italiano

Sottotitoli

Nessuno

Giudizio

Valutazione Complessiva:
5
/5
Qualità nella trattazione del Tema:
5
/5
Efficacia Comunicativa:
5
/5
Qualità tecnica del Video:
5
/5
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!