Aspetti psicologici dell’affido familiare

Home
Articoli
Aspetti psicologici dell’affido familiare

Aspetti psicologici dell’affido familiare

Argomento

Affido familiare, Minori, Famiglia affidataria, Famiglia d’origine

Trama

Come sottolinea la dott.ssa Marella Basla, l’affidamento familiare è un intervento che affianca alla famiglia d’origine un’altra famiglia per dare al bambino riferimenti stabili e sicuri; parliamo di una rete di scambi formativi ed emotivi che gli permettano di crescere nel modo più giusto possibile. Questo costituisce una sfida avvincente e complessa. Rappresenta un’esperienza impegnativa in cui sono coinvolti più protagonisti e la cui riuscita dipende dalla collaborazione di tutti, pur avendo ognuno un diverso ruolo:

  • Il minore è il principale protagonista dell’affido, esso è portatore di una realtà di vita diversa da quella della famiglia in cui verrà inserito e propone modi di fare non sempre coincidenti con la famiglia affidataria. Solitamente si tratta di bambini con grande bisogno di affetto ed attenzioni che vivono una situazione di disagio più o meno grave nel proprio nucleo familiare e devono essere accompagnati a costruire, con gradualità, un rapporto con la famiglia affidataria che li accompagnerà. Essi possono mostrare comportamenti diversi circa l’inserimento nella famiglia affidataria; alcuni si integrano più facilmente, altri rimangono sulla difensiva, altri possono mostrare atteggiamenti ostili o indifferenti. È utile avvicinarsi al bambino in “punta di piedi” rispettando i suoi tempi. Molte volte c’è bisogno di tempo affinché il bambino riesca ad avvicinarsi all’ambiente e poter emanare positività, superando il sentimento di espulsione che sente rispetto alla famiglia di origine. Infine, il bambino va preparato, aiutato e sostenuto per vivere l’affido come momento di crescita e non come conflitto interiore o momento di divisione tra le due famiglie.
  • La famiglia di origine è una famiglia in difficoltà, è importante perciò mettere al centro le possibilità di recupero della stessa delineando un chiaro progetto che vada a stimolare de cambiamenti e che le dia adeguate risorse ed attenzioni. Essa deve essere aiutata a vedere nell’affido una risorsa per il bambino e non una minaccia o un fallimento del proprio ruolo genitoriale.
  • La famiglia affidataria è una famiglia aperta e solidale, l’affidamento è un atto di amore per la vita. Questa, accogliendo il minore, deve essere in grado di rispettare la sua cultura e comprenderne la storia personale sua e della propria famiglia ponendosi in ottica di accoglienza libera dal giudizio. Il punto di partenza è la disponibilità a non competere e a non sostituire nessuno, ma dare al bambino affetto disinteressato senza aspettarsi riconoscimenti. È utile, nel rapporto con il minore, evitare risposte stereotipate ed essere aperti alle possibilità.
  • Le istituzioni, infine, svolgono un ruolo indispensabile nell’analizzare la situazione del minore e della sua famiglia di origine, nel mettere a punto il progetto di affido e nel sostenere la famiglia affidataria in questo percorso.

Tipo

Riflessione / Relazione / Lezione / Convegno / Approfondimento

Autore/Editore Video

Anfaa - Associazione Nazionale Famiglie Adottive e Affidatarie Dott.ssa Marella Basla

Durata

3:19

URL d'Origine

https://youtu.be/HcUIgb14CpE

Lingua

Italiano

Sottotitoli

Nessuno

Giudizio

Valutazione Complessiva:
5
/5
Qualità nella trattazione del Tema:
4
/5
Efficacia Comunicativa:
5
/5
Qualità tecnica del Video:
5
/5
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!