La disabilità con gli occhi di un bambino

Home
Articoli
La disabilità con gli occhi di un bambino

La disabilità con gli occhi di un bambino

Argomento

Disabilità

Trama

Il video preso in considerazione tratta un tema di particolare e delicata importanza: la disabilità così come un bambino la vede riflessa proprio nei suoi occhi.

Sono stati messi al centro dell'attenzione i bambini con i loro genitori, nonché  adulti di riferimento. È stato presentato un gioco che chiede loro  l’imitazione di facce buffe e strane di altre persone, trasmesse attraverso  uno schermo.

Grandi e piccoli si divertono ad imitare le particolari espressioni, fin quando però  a crearne una buffa è una ragazzina disabile.

I bambini, con i loro sguardi genuini continuano il gioco e non danno peso alla  diversità; a differenza dei genitori, i quali invece, rimangono attoniti e  mpietriti sul da farsi e decidono di non imitare.

È  giusto sottolineare l'essenza stessa del video: quanto l'idea di diverso sia  estranea agli occhi di un bambino, il quale con il suo sguardo puro e limpido può cambiare il mondo e migliorare il modo di  vederlo.

É da lui stesso che si presenta il vero senso della diversa abilità: ognuno ha talenti particolari e speciali ma ogni persona è un essere speciale diversamente abile.

“Non si vede bene che con il cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi!”

Tipo

Spot

Autore/Editore Video

Italy on Wheelchair

Durata

1:56

URL d'Origine

https://www.youtube.com/watch?v=6lyO_kaD5HM

Lingua

Solo Musica

Sottotitoli

Giudizio

Valutazione Complessiva:
5
/5
Qualità nella trattazione del Tema:
5
/5
Efficacia Comunicativa:
5
/5
Qualità tecnica del Video:
5
/5
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!