Legge di Bilancio 2021 e Assistenti Sociali (II parte)

Home
Articoli
Legge di Bilancio 2021 e Assistenti Sociali (II parte)

Istruzioni operative e modalità di calcolo del contributo riconosciuto agli Ambiti.

Tre aspetti fondamentali  

Già con l’approvazione della Legge di Bilancio, del 30 dicembre scorso, avevamo sviluppato un piccolo focus sulle novità introdotte dai commi 797 e ss. dell’art. 1 della norma, riguardanti l’avvio di un vero e concreto potenziamento delle strutture dei servizi sociali professionali a livello locale.  

Numerosissimi sono stati gli interventi che hanno provato a chiarificare tutti gli aspetti della Legge, in particolare in riferimento a tre aspetti fondamentali

  • le condizioni contrattuali degli aa.ss. “conteggiabili” per il calcolo del contributo; 
  • le possibilità di stabilizzazione per gli aa.ss. che operano a tempo determinato nei Comuni e negli Ambiti Sociali; 
  • le possibili strategie che gli Ambiti Sociali, e/o i Comuni associati nelle forme previste, possono adottare per avviare una seria strutturazione dei Servizi Sociali Professionali, ossia quali azioni e buone pratiche da adottare per avere servizi con almeno 1 a.s. a tempo indeterminato full-time equivalent ogni 6.500 abitanti (rapporto minimo per accedere al contributo di 40.000 € per ogni a.s. con le citate caratteristiche contrattuali).  

Anche se ripresi dal documento ministeriale, non ci soffermeremo ancora su questi aspetti la cui ingente “produzione letteraria” dei vari addetti ai lavori dovrebbe aver assolto agli obiettivi di opportuna chiarificazione. Ad ogni modo, per una veloce rilettura, si rimanda al precedente articolo redatto in questo blog, in tempi non sospetti. 

«il 12 febbraio, il Ministero de Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato le attesissime istruzioni per il calcolo del contributo riconosciuto agli Ambiti Sociali territoriali»  

Istruzioni ministeriali del 12 febbraio 2021 

Oggi commentiamo, invece, che il 12 febbraio u.s., il Ministero de Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato le attesissime istruzioni operative e modalità pratiche per il calcolo del contributo riconosciuto agli Ambiti Sociali territoriali, proprio in ragione del numero di aa.ss. impiegati nei servizi sociali territoriali assunti a tempo indeterminato in servizio nell’anno precedente e presumibilmente in servizio nell’anno in corso. Un documento che, ad ogni buon fine, si allega a questo breve testo di introduzione alle stesse, e che può essere visionato unitamente agli ulteriori documenti allegati sul sito del MLPS: https://www.lavoro.gov.it/notizie/pagine/finanziamenti-ai-comuni-che-garantiscono-un-livello-minimo-di-assistenti-sociali-in-proporzione-agli-abitanti.aspx/ 

Il documento chiarisce innanzitutto gli step della procedura operativa

  1. I Comuni [in un tempo utile nel mese di Febbraio], utilizzando la scheda allegata dal MLPS alle istruzioni, devono inviare all’Ambito di appartenenza i dati relativi al numero di aa.ss. effettivamente impiegati nei servizi territoriali e nella loro organizzazione e pianificazione assunti a tempo indeterminato in servizio nel precedente anno e la previsione relativa all’anno corrente. Il numero dovrà essere espresso sempre in termini equivalenti a tempo pieno (in allegato alle istruzioni, anche un utile foglio di calcolo per agevolare il lavoro); 
  1. Gli Ambiti Sociali Territoriali [entro il 28/02 di ogni anno], dovranno inserire nel sistema SIOSS [Sistema Informativo Offerta Servizi Sociali] i dati relativi al personale dell’anno precedente e le previsioni dell’anno corrente; 
  1. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali [entro il 30/06 di ogni anno], con proprio decreto, riconoscerà sulla base dei dati forniti dagli Ambiti le somme liquidabili riferite all’anno precedente e le somme prenotate per l’anno corrente (distinzione tra le due somme delineata dal comma 799 della Legge), che se rispettate saranno liquidate nell’anno successivo. 

Fondi strutturali 

Fondamentale l’ulteriore chiarimento fornito da queste linee operative che precisano e sottolineano che il finanziamento del fondo povertà, così come il finanziamento previsto dalla Legge di Bilancio per i contributi per ogni aa.ss., ha natura strutturale e, che in sede di riparto annuale del Fondo Povertà, sarà accantonata una somma sufficiente a finanziare tutte le risorse prenotate. 

Nei prospetti forniti dal SIOSS, gli Ambiti potranno inserire: 

  • i dati a consuntivo, ossia i dati riferiti agli aa.ss. impiegati (sempre full-time equivalent e a tempo indeterminato) in servizio nell’anno passato [quindi entro il prossimo 28.02.2021 (01.03.2021 perché la scadenza cade di domenica) i dati a consuntivo riguarderanno il numero di aa.ss. al 31.12.2020]; Si dovrà indicare il numero di aa.ss. a tempo indeterminato full time equivalent per ciascun Comune e per l’Ambito a sé stante (se ha proprio personale), ma anche la percentuale per cui ogni a.s. viene impiegato in una data area di lavoro [segretariato sociale, SSP, Famiglia-Minori-Anziani autosuff., Diversabili-Non Autosuff., Povertà-Disagio Adulti]; 
  • i dati previsionali, ossia il dato che l’Ambito prevede di avere per l’anno in corso e quindi l’indicazione delle previsioni per l’anno corrente del numero di assistenti sociali a tempo indeterminato full time equivalent per l’Ambito nel suo complesso. 

Modalità di calcolo  

Ai fini del computo, il documento ministeriale chiarisce anche che potranno essere conteggiate le aa.ss. assunte con contratto di lavoro a tempo indeterminato eventualmente in congedo di maternità. Non potranno essere computati invece gli aa.ss. in aspettativa, in comando o in distacco; questi ultimi potranno essere conteggiati dai Comuni/Ambiti presso i quali sono distaccati e svolgono dunque la loro attività. 

Sempre ai fini del calcolo, le linee chiariscono che possono essere considerati tutti gli aa.ss. effettivamente impiegati nei servizi sociali svolti nel territorio dell’Ambito Territoriale, assunti da: Comune/Unione dei Comuni, Azienda Speciale o Azienza Servizi alla Persona, Comune Capofila in caso di Convenzione, Consorzi per la gestione dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari, Società della Salute, Azienda Speciale Consortile di Servizi alla Persona. Pertanto, il documento conferma le interpretazioni già espresse sul testo normativo, per cui non possono essere considerati nel computo utile alla richiesta di contributo gli aa.ss. a tempo indeterminato dipendenti di soggetti privati o di ETS a cui sono appaltati interventi e servizi, o anche gli aa.ss. dipendenti di AA.SS.LL., ad eccezione delle situazioni in cui i Comuni abbiano delegato la funzione socio-assistenziale all’ASL stessa come accade in alcune Regioni. 

Il portale per l’inserimento di tali dati è stato aperto dal Ministero dal 19.02.2021, e sarà disponibile fino alle ore 24.00 di lunedì 01.03.2021, termine ultimo che quest’anno gli Ambiti avranno per quest’azione introdotta dalla Legge di Bilancio. 

Azioni “dal basso” di supporto alle assunzioni 

È chiaro che, come emerso in diversi dibattiti, oggi occorre che i Comuni associati e gli Ambiti Sociali si attivino per concertare una pianificazione utile a raggiungere quel livello minimo di 1 a.s. a tempo indeterminato ogni 6.500 abitanti, necessario per richiedere il contributo. Gli Ambiti che non detengono questo primo livello non potranno richiedere alcun contributo, né tanto meno hanno il tempo necessario per garantire delle previsioni sull’anno corrente formalmente e sostanzialmente comprovabili.  

Ma allora ecco il “caldo invito” che i vari stakeholders [il CNOAS, ad es., aveva invitato i CROAS ad avviare una cabina di regia con Ambiti, OO.SS. per avviare concretamente e tempestivamente azioni utili in tal senso] devono fare alle politiche locali di Ambiti e Comuni. Sempre a titolo di esempio, la Regione Campania ha invitato, con apposita nota del 16.02.2021 (si riporta in allegato), tutti gli Ambiti (anche quelli lontani dalla condizione minima) ad accedere alla piattaforma e a conferire le informazioni richieste, che potranno costituire un’importante fonte informativa che consentirà al Ministero e alla Regione stessa di conoscere le situazioni territoriali esistenti ed eventualmente proporre azioni agevolative per i territori in maggiore difficoltà, per una programmazione regionale che vada a prevedere interventi migliorativi delle strutturazioni dei SSP locali nelle prossime annualità.  

D’altro canto, la partita oggi si gioca tutto su questo livello: anche gli Ambiti che per l’anno 2021 non posseggono le condizioni minime per l’accesso al beneficio, possono (auspicabilmente e con un’idonea programmazione del PdZ e del PAL delle misure di contrasto alla povertà) predisporsi ad acquisire le condizioni per potervi accedere per il prossimo anno, considerata proprio la natura stabile del finanziamento a copertura dei costi di assunzione di ogni assistente sociale. Una grandissima opportunità per il sistema dei servizi sociali, a tutela innanzitutto dei diritti dei cittadini, ed anche dei diritti dei lavoratori assistenti sociali. 

 

 

 

Si allega: 

Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarà visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!