Assegno unico per figlio. Importante ma non sufficiente

Home
Articoli
Assegno unico per figlio. Importante ma non sufficiente

Comunicato Stampa.

PROGETTO FAMIGLIA

Comunicato Stampa 22 luglio 2020

«L’Assegno unico è un passo in avanti importante. Finalmente la politica italiana ha deciso di investire sul futuro del Paese, sostenendo le famiglie nel loro insostituibile compito di dare vita e di allevare le nuove generazioni. Un assegno fisso mensile per ciascun figlio darà sicuramente un supporto prezioso alle famiglie, soprattutto laddove i figli sono tre o più. Ci auguriamo che divenga quanto prima realtà concreta e che sia accompagnato da ulteriori scelte altrettanto necessarie».

«Occorre un’ampia e coraggiosa azione che coniughi la dimensione economica con quella culturale e formativa e che dia ad ogni aspetto della vita sociale un taglio family-friendly»

Così Marco Giordano, presidente della federazione Progetto Famiglia, ha commentato l’approvazione unanime che, nella giornata di ieri, la Camera dei deputati ha espresso nei confronti della legge di istituzione del cd. assegno unico universale per i figli a carico, dalla nascita fino a vent’uno anni. 

«Purtroppo – continua Giordano – si tratta di un segnale tardivo, in uno scenario segnato da un pauroso inverno demografico che vede diminuire ogni anno il numero dei nuovi nati. Questo intervento non basterà da solo a rilanciare la natalità in Italia. La questione, prima ancora che economica, è culturale.

La settimana scorsa è stato pubblicato il XV rapporto CISF sulla famiglia in Italia. Alcuni dei dati presentati sono impressionanti: il 24% dei giovani dichiara di non aver intenzione di mettere al mondo dei figli. E il 36% ritiene di non volersi sposare. Questi numeri sono il segnale grave della deriva individualista che il nostro Paese, come gran parte dell’Occidente, ha intrapreso da anni e che spinge sempre più fortemente verso la liquefazione dei legami.

Le relazioni sono vissute solo in funzione di sé stessi, in modo transitorio, senza impegnarsi in rapporti stabili e duraturi. Il rischio è che, in nome di una apparente libertà egocentrica, gli esseri umani perdano la loro principale e più preziosa qualità: quella di amare, di prendersi cura dell’altro, di donarsi. Madre, padre, figlio, marito, moglie, fratello… sono queste le parole di base del vocabolario del dono, senza le quali non ci restano che frammenti, solitudine e l’indifferenza.

Occorre un’ampia e coraggiosa azione che coniughi la dimensione economica con quella culturale e formativa e che dia ad ogni aspetto della vita sociale un taglio family-friendly».


Cosa pensano i Nostri Lettori

Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Scrivi un Commento

Commenti Articolo

Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Nessun Commento trovato
Scrivi un Messaggio
Scrivi un Messaggio
Accetto la Privacy Policy
L'invio del tuo messaggio è andato a buon fine.

Siamo lieti che tu ci abbia scritto! A breve il messaggio sarĂ  visionato dallo Staff del Centro Studi. Ti risponderemo quanto prima.

Cordiali saluti, la Tutor del Centro Studi, dr.ssa Carmela Carotenuto.
Oops! Qualcosa è andato storto!
Il sito utilizza cookie per garantire un'esperienza ottimale. Cliccando su "accetta" acconsenti al loro uso